Isola del Giglio

L’isola del Giglio, una piccola perla che si trova in Toscana, di fronte al Monte Argentario. L’ideale per una vacanza all’insegna del relax, della buona cucina e ovviamente, della natura.

Perché scegliere una vacanza all’isola del Giglio

Le vacanze estive sono uno dei sogni che rincorriamo durante tutti i mesi invernali, per questo è importante pianificare per tempo tutto ciò che desideriamo vedere e fare. Il luogo della vacanza è una delle decisioni più complicate da prendere perché una destinazione che amiamo non corrisponde necessariamente a una meta possibile in fatto di viaggio, mezzi e spostamenti vari.

Insomma, quando ci si trova a dover organizzare la vacanza è necessario saper unire i nostri desideri all’effettiva possibilità di realizzarli.

L’isola del Giglio rappresenta la meta perfetta per chi ama le piccole isole, quelle che ricordano un po’ i vecchi villaggi di pescatori dove la vita scorreva silenziosa e rilassata accompagnata dal rumore del mare e del vento. Il Giglio è questo, ma è anche divertimento e avventura, motivo per cui ogni anno viene scelta da molti turisti provenienti da ogni parte del mondo perché nessuno sa resistere alle bellezze delle isole made in Italy.

Immersa nella tipica atmosfera toscana che si respira a ogni angolo, qui è possibile abbandonarsi a ciò che propone tra spiagge, colline, negozi e cibo, perché se c’è qualcosa che in Toscana non può mancare è proprio la tradizione culinaria.

Organizzare una vacanza all’isola del Giglio

Partendo proprio dall’importanza che il cibo ricopre in Toscana, è necessario pensare a dove e cosa mangiare all’isola del giglio per non perdersi le tradizioni di una terra che trasmette le sue storie e i suoi costumi anche attraverso i piatti che prepara, quelli che l’hanno fatta diventare famosa in tutto il mondo insieme all’indiscussa bellezza dei suoi luoghi.

Come non assaggiare il pesce in scaveccio, tipico piatto gigliese di pesce povero che viene infarinato, fritto e condito con una salsa particolare o la minestra di fagioli, o ancora i totani ripieni?

Organizzare una vacanza significa dare la giusta importanza anche al cibo e a tutto quello che gli ruota intorno.

Dopo aver programmato dove e cosa mangiare all’isola del Giglio è utile sapere quale soluzioni si preferisce per l’alloggio. Il tempo perfetto per una visita in cui si possa godere di tutte le sue bellezze è un weekend. In questo caso è possibile scegliere di alloggiare in una delle tre località dell’isola: Giglio Castello (zona centrale), Giglio Campese (zona più selvaggia), Giglio Porto.

Cosa vedere al Giglio

Essendo un’isola abbastanza piccola è possibile visitare tutto ciò che offre decidendo di restare per almeno un weekend.

Giglio Porto è la frazione più vivace dell’isola. Nonostante sia la zona in cui attraccano i traghetti l’acqua è pulita. Questo fa capire quanto sia cristallino il mare gigliese. Da non perdere qui ci sono l’antica torre di avvistamento, le botteghe vivaci e colorate e i numerosi locali con vista direttamente sul mare.

Spostandosi a Giglio Castello che si trova sulla sommità dell’isola, è da non perdere il castello che ha la tipica conformazione di un borgo medievale. Ci sono vie strette e caratteristiche, vicoli suggestivi, archi e scalinate. Non mancano locali e ristoranti dove poter trascorrere qualche ora in totale relax.

A Giglio Campese ci si può dedicare alla vita da spiaggia dove non mancano angoli dalla bellezza unica e ancora incontaminata.

Tra qualche mese avrò l’occasione per partire per questa piccola isola, vedremo se supererà le mie aspettative, mi aspetto un’isola ricca di fascino, con scorci indimenticabili e ovviamente un’ottima cucina!

E tu, sei mai stato all’Isola del Giglio? Come mi consiglieresti di fare, ed ovviamente, assaggiare?

  • author's avatar

    By: Laura Fazzolari

    Bancaria e consulente di WebMarketing. Qui è dove racconto la mia più grande passione: viaggiare. Seguimi anche su www.socialwebcoach.com

  • author's avatar

Fai viaggiare il nostro racconto..

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *