Una giornata a Vientiane

Potendo dedicare solamente una giornata alla visita della capitale abbiamo dovuto scegliere cosa vedere e cosa, purtroppo, dover saltare

Vista dal Patuxai
Vista dal Patuxai

La mattinata è stata dedicata alla visita del centro città, con la visita di vari Wat – templi buddisti, mentre il pomeriggio abbiamo percorso 25 km, ben un’ora di Tuk-tuk, per raggiungere il Xieng Khuan o Parco dei Buddha

Per prima cosa siamo saliti sull’Arco di Trionfo, chiamato Patuxai, da dove si può ammirare il paesaggio della città dall’alto
Questa costruzione è stata fatta negli anni 60, grazie a del cemento dato dagli americani per costruire un nuovo aeroporto
Per questo viene scherzosamente chiamato “la pista verticale”

 

Bellissimo il Palazzo Presidenziale, un grande castello in stile Beaux-arts, costruito inizialmente per ospitare il governatore francese della colonia

Dalla quantità di acqua presente nel piazzale si capisce che qui continua a piovere!!

 

Da non dimenticare il Wat Si Saket, probabilmente uno dei templi più antichi di Vientiane, dove ciò che colpisce è la presenza di tantissime piccole nicchie che contengono oltre duemila immagini del Buddha in argento e ceramica

Wat Si Saket
Wat Si Saket

 

Subito dopo mangiato siamo partiti su un Tuk-tuk alla volta del Buddha Park.

Questo parco è stato progettato e realizzato da Luang Pu Bunleva Sulilat, un eccentrico personaggio sciamano e maestro yogi, che desiderava riunire le filosofie e mitologie hindu e buddiste

Nel parco ci sono circa 200 gigantesche statue in cemento, raffiguranti animali, demoni e divinità delle religioni buddhista ed induista.

Davvero fuori dai canoni tradizionali la presenza di una grande struttura in cemento a forma di zucca di tre piani dove è possibile accedere attraverso delle scalette davvero strette e ripide. All’interno è possibile  attraversare l’inferno, la terra e il paradiso, per poi salire sul tetto e potere abbracciare con lo sguardo tutto il parco. Davvero spettacolare!

 

Nel tornare verso la città, attraverso una strada fatta di buche e dossi da percorrere ai 10 km all’ora massimo, ci siamo fermati ad osservare un gruppo di laotiani mentre piantavano il riso, un paesaggio eccezionale!!

 

 

 

  • author's avatar

    By: Laura e Lorenzo

    Eccoci! Una bancaria creativa con un’innata voglia di scrivere e viaggiare. Un insegnante della scuola superiore alla ricerca dell’inquadratura perfetta con la sua reflex. Innamorati del mondo, cerchiamo sempre di trovare quel posticino, poco conosciuto, che rende il viaggio ancora più autentico ed inusuale!

  • author's avatar

Fai viaggiare il nostro racconto..

E tu cosa ne pensi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *