Da Hanoi all’isola di Cat Ba

Tornati ad Hanoi dopo il Trekking a Sapa siamo pronti per ripartire: Ha Long Bay ci aspetta! Finalmente la fortuna sembra sia dalla nostra parte, per i prossimi giorni sono previste giornate di sole, senza nuvole e pioggia. Il nostro primo pensiero è stato: possiamo essere tra i pochi fortunati che vedono Ha Long Bay con il sole e il cielo azzurro. E in più riusciremo a raggiungere l’isola di Cat Ba.

Prima di raccontare la nostra esperienza in questa zona, ormai davvero turistica e diventata luogo simbolo di questo paese,  facciamo un passo indietro e vi spieghiamo come ci siamo ritrovati a viaggiare per un totale di 5 ore. Siamo saliti sul primo autobus, abbiamo fatto un cambio mezzo, proseguito su una barca e successivamente ci aspettava un altro autobus. Sembrava davvero un viaggio infinito.

Ha Long Bay Vietnam
Nave da crociera Ha Long Bay

Durante l’organizzazione del viaggio, leggendo post e articoli sul web, avevamo visto che l’offerta turistica tipica consisteva in una crociera da una o due notti, dotata di tutti i comfort, incluse attività come karaoke, cooking class e kayak, per un costo medio di 150 dollari. Abbiamo letto da più fonti di non rischiare di scendere al di sotto dei 100 dollari, perché sicuramente la barca sarebbe stata vecchia e in cattive condizioni e il servizio a bordo di bassa qualità.

Detto questo, dopo l’esperienza un pochino turistica trascorsa sul Delta del Mekong, l’idea di finire all’interno di un pacchetto “preconfezionato” proprio non ci andava. La nostra compagna di viaggio, mitica Elena, cercando e cercando ha trovato una compagnia di autobus la  Hoang Long che permette di prenotare online (il pagamento può essere fatto con carta di credito/bonifico oppure in stazione) e in circa 5 ore ti porta sull’isola di Cat Ba.

Decidiamo di partire e raggiungere la Baia di Ha Long in modo alternativo. Arriviamo all’Isola di Cat Ba passando da Haiphong, attraversando una zona dedicata all’allevamento dei gamberetti e ammettiamo che non ci ha fatto proprio una bella impressione.

L’isola di Cat Ba è la più grande delle 1969 isole che compongono il Golfo del Tonchino, ha una superficie di 300 km quadrati ed è ricca delle tipiche montagne carsiche che caratterizzano questa zona. Ovviamente su questa isola non mancano zone dedicate all’agricoltura con la coltivazione del riso.

 

Campi coltivati a risaia - Isola di Cat Ba
Campi coltivati a risaia – Isola di Cat Ba

 

Siamo partiti alle 7 del mattino e finalmente verso mezzogiorno siamo arrivati sull’isola di Cat Ba. Scendiamo dall’autobus e cerchiamo il nostro albergo, prenotato durante il viaggio grazie ai nostri telefoni sempre connessi. Non è stato difficile trovarlo, quasi tutte le strutture sono state costruite lungo la costa dell’isola, rovinando il paesaggio e creando un’atmosfera da località turistica.

Non ci scoraggiamo e dopo esserci fermati per mangiare, decidiamo di noleggiare gli scooter per dedicare il pomeriggio alla visita dell’interno dell’isola di Cat Ba. Come sempre consigliamo di vedere in autonomia anche questa località, perdersi tra le vie più piccole e poter andare dove si vuole, rende il viaggio davvero unico.

 

Ha Long vista dalla grotta
Vista dell’isola di Cat Ba dalla Hospital Cave

 

Abbiamo raggiunto la Hospital Cave, una grotta naturale internamente rivestita in cemento. E’ stata costruita tra il 1963 e il 1965. All’ingresso un signore, addetto al controllo dei biglietti, accoglie i turisti con la sua raccolta di monete. Ogni incontro è un’occasione di dialogo, prima mostra la sua collezione e poi chiede qualche monetina proveniente da paesi lontani che magari è rimasta nelle tasche di chi visita questo luogo.

Appena varcata la soglia, sembra di essere entrati in un nascondiglio segreto, come è stato in passato durante la Guerra del Vietnam, quando questo luogo veniva utilizzano per nascondere i feriti vietnamiti.

L’entrata non è molto grande, in parte nascosta dalla vegetazione, in cima ad una scaletta e non ci si aspetta di ritrovarsi in un corridoio lungo con ai lati tantissime porte. Sembra di essere in un labirinto, il percorso continua per 3 piani per un totale di 17 stanze di ampia metratura. Quando la grotta era abitata al suo interno c’erano una piscina, una palestra e anche un cinema!

 

 

Tornati ai nostri motorini, sentiamo degli schiamazzi provenire da un punto più in basso dove c’è il fiume. Ci avviciniamo e notiamo un gruppo di ragazzini che giocano e si divertono a tuffarsi all’interno di un’ansa creata dal fiume.

 

Ha Long tuffo
Tuffo in acqua – Isola di Cat Ba

 

Riprendiamo il percorso e torniamo verso la costa per vedere le spiagge dell’isola. Con nostro stupore ci accorgiamo che la maggior parte dei turisti sono vietnamiti o persone provenienti da paesi dell’Asia, ci sono davvero pochi occidentali. Abbiamo visto due delle tre spiagge che si trovano da questa parte dell’isola, raggiungibili anche a piedi dal porto, si chiamano Cat Co 1, Cat Co 2, Cat Co 3.

L’acqua ha il tipico colore verde smeraldo e sulla spiaggia ci sono tantissimi pezzi di corallo lasciato dal mare, segno che in un passato lontano nel mare era presente la barriera corallina.

 

All’ora del tramonto siamo ripartiti in sella ai nostri motorini per raggiungere Cannon Fort, il forte in cima all’isola costruito dai giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale ed utilizzato successivamente dai francesi e dai vietnamiti rispettivamente durante la Guerra d’Indocina e quella del Vietnam.

Al di là della visita del forte, raggiungere questa zona merita per la vista sulla Baia di Ha Long. Ci sono quattro diversi punti da raggiungere per vedere il lato nord, sud, est ed ovest ed avere una visione a 360° della baia. Uno dei paesaggi più belli di questo viaggio è proprio il tramonto visto da quassù, con le montagne carsiche tinte di rosso che spuntavano dal mare.

 

Tramonto sulla Baia di Ha Long visto da Cannon Fort

 

Informazioni utili

Per prenotare o vedere gli orari dell’autobus che collega Hanoi all’isola di Cat Ba visitate il sito della Hoang Long.

Per vedere la Baia di Ha Long arrivando a Cat Ba mettete in conto almeno due notti, altrimenti consigliamo di prenotare una crociera di una notte.

Su quest’isola è presente un parco naturale, il Cat Ba National Park, se avessimo avuto un giorno in più avremmo organizzato un’escursione di una giornata per conoscere dall’interno la natura e la fauna che popola quest’isola.

 

  • author's avatar

    By: Laura e Lorenzo

    Eccoci! Una bancaria creativa con un’innata voglia di scrivere e viaggiare. Un insegnante della scuola superiore alla ricerca dell’inquadratura perfetta con la sua reflex. Innamorati del mondo, cerchiamo sempre di trovare quel posticino, poco conosciuto, che rende il viaggio ancora più autentico ed inusuale!

  • author's avatar

Fai viaggiare il nostro racconto..

E tu cosa ne pensi?

2 thoughts on “Da Hanoi all’isola di Cat Ba

  1. arianna ha detto:

    Ciao, trovo il vostro post molto utile :). A dicembre,zaino in spalla, partiremo per un viaggio di un mese in Vietnam. Stavamo valutando di andare proprio a Cat Ba piuttosto che la classica escursione un po’ troppo turistica da Halong city. Sulla lonely planet vedo che consigliano di prendere un bus da Hanoi fino ad Haiphong e poi un altro piccolo bus fino a Dinh Vu e da lì una imbarcazione per arrivare sull’isola.
    Mi confermi?

  2. Laura e Lorenzo ha detto:

    Ciao! Sono passati circa 2 anni dal viaggio, però ci ricordiamo di aver fatto proprio così. Bus – barca – bus. A noi è piaciuto vedere la baia da un altro punto di vista, certo non hai i comfort della nave però puoi vedere l’isola è il tramonto dalla parte più alta è fantastico!! E ovviamente consigliamo di andare a vedere la Hospital cave, merita! Buon viaggio il Vietnam è indimenticabile ❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *